Cosa è la geologia? Chi è il geologo? Qual è il suo ruolo nel campo dell’edilizia?

IVA agevolata al 10% per lavori in edilizia
31 Ottobre 2013
Pericolosità sismica, rischio sismico e classificazione sismica dele territorio Nazionale
31 Ottobre 2013

La geologia è quella branca della Scienze della Terra che si occupa dello studio, in senso stretto, della Terra e dei processi che la trasformano. Abbraccia molte discipline come la Vulcanologia, la Petrografia (studio delle rocce), la Sismologia (studio dei terremoti), la Geomorfologia (studio della morfologia), la Paleontologia (studio dei fossili), lo studio e la ricerca degli idrocarburi, la Geologia Applicata. Quest’ultima rappresenta l’applicazione della geologia sia alle problematiche pratiche dell’uomo nella sua interazione con l’ambiente che lo circonda, sia alla comprensione dei fenomeni geologici che possono interferire nella progettazione ingegneristica delle opere.

In parole povere, uno studio geologico, detto studio di fattibilità geologica, ha lo scopo di capire se un’opera, in un determinato luogo, possa essere costruita oppure no; in che maniera la conformazione geologica del territorio possa interferire con l’opera stessa e quindi dare indicazioni all’ingenere su come procedere nella sua progettazione.

Quindi, chi è il geologo?? Molto spesso questa figura viene associata alle catastrofi, questo perchè si sente parlare di lui e della geologia solo in caso di eruzioni vulcaniche, di terremoti o di alluvioni.
Bene, il geologo non è una civetta o un animale mitologico, esiste veramente e il suo intervento è fondamentale nella prevenzione delle catastrofi, nella progettazione delle opere e nella pianificazione territoriale.
In questo articolo ‘approfondiremo’ la figura del geologo applicato all’edilizia, anche se, per approfondire tale argomento ci vorrebbero molte pagine. Quindi, seguirà giusto una breve descrizione dei passaggi fondamentali che portano alla stesura della relazione geologica, posta ad integrazione dei progetti ingegneristici.

In cosa consiste il suo lavoro? abbiamo parlato di fattibilità geologica, ma cosa è di preciso?
Andiamo per gradi: il primo passo, dopo che ne è richiesto l’intervento, è quello di farsi una passeggiata di ricognizione nell’area che verrà coinvolta nella progettazione. Durante la passeggiata effettuerà le cosiddette osservazioni di campagna, quindi sul taccuino e sulla mappa che avrà con sè, annoterà tutto ciò che per lui ha interesse, per esempio: le rocce che affiorano, la loro geometria, se esiste un fiume, se ci sono colline o montagne, etc etc..
Una volta a casa, farà il punto della situazione e in base alle osservazioni e al progetto, pianificherà una campagna di indagini geofisiche e geognostiche. A cosa servono le indagini? attraverso le osservazioni di campagna, il geologo sa cosa c’è in superficie, ma lui necessita di sapere cosa c’è sotto la superficie, e quindi deve sapere su che tipo di rocce poggiamo, inconsapevolmente, i nostri piedi, come esse si comportano, come reagiscono al carico che subiranno dopo la costruzione dell’ opera, e quindi, in parole molto povere…le indagini geofisiche e le indagini geognostiche servono a capire tutto questo.
Passo successivo: abbiamo capito cosa abbiamo sotto i piedi e come questo può reagire ad un carico applicato, lo abbiamo fatto tramite le indagini, ma l’ opera in questione potrebbe subire interferenze di vario tipo da parte dell’ambiente che mi circonda? bè, si, se c’è un corso d’acqua, in caso di forti piogge può esondare e quindi provocare le alluvioni di cui troppo spesso sentiamo parlare, quindi…è necessario sapere se ci troviamo alle distanze consentite dalla legge e quindi a distanza di sicurezza; se invece ci troviamo in prossimità di un pendio? dobbiamo capire se quel pendio può franare; se ci troviamo in una zona altamente sismica? dobbiamo dare indicazioni sulla sismicità dell’area per consentire all’ingegnere di applicare le giuste norme antisismiche al suo progetto; se gli scavi per porre le fondamenta della mia opera sono profondi, si corre il rischio di incontrare la falda? si o no, quindi si deve indagare sulla profondità della falda.
Insomma, nell’ambito dell’edilizia, il geologo serve a non far correre il rischio che la casa o il ponte o una strada, subiscano dei danni molto seri legati alla conformazione geologica del territorio.

Da tutto questo ne consegue che, la consulenza geologica è fondamentale per una corretta progettazione, ma soprattutto la responsabilità del geologo è molto elevata, quindi è di rilevante importanza che gli studi di fattibilità geologica siano approfonditi, ben fatti, ma soprattutto corredati delle giuste indagini, prescritte comunque dalla normativa.