Mobilità sostenibile: Friburgo in Brisgovia

Le Top 10 per il risparmio energetico
16 Luglio 2013
Psicologia dell’ Abitare – Varietà ed armonia delle forme. Effetti negativi della monotonia
17 Luglio 2013

La città di Friburgo in Brisgovia conta più di 200.000 abitanti ed è in Europa uno dei centri più attenti alle problematiche in tema di sostenibilità urbana ed edilizia.

Il primo piano del traffico della città venne adottato nel 1969, con l’intento di promuovere una mobilità a basso impatto ambientale attraverso l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Innanzituttto è stata raggiunta la riduzione del traffico attraverso la pianificazione urbanistica, poiché la città è stata progettata lungo le principali arterie del trasporto pubblico, riqualificando gli edifici esistenti, utilizzando le zone non utilizzate all’interno della zona urbana prima di procedere all’ampliamento.

Alla base dell’organizzazione del traffico c’è il principio dell’intermodalità, in quanto tutta la distribuzione ruota intorno ad una struttura di tre piani che ospita il parcheggio del car sharing e  il parcheggio delle biciclette a cui si accede tramite abbonamento, all’interno del quale è possibile lasciare la propria bicicletta o noleggiarne una. Tale struttura è dotata di un centro di assistenza per le riparazioni funzionante durante tutto il giorno e la notte, tramite un distributore automatico di pezzi di ricambio. Inoltre dalla stazione ferroviaria è possibile prendere qualsiasi mezzo di trasporto pubblico per raggiungere altre zone della città o noleggiare una bici, attraverso una tessera valida per qualsiasi mezzo.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il sistema dei trasporti pubblici è stato convertito in un sistema di tram, con un aumento delle linee e della frequenza delle corse, tale che difficilmente l’attesa dura più di cinque minuti. Si è prestata attenzione anche alla riduzione dell’impatto ambientale dovuto al traffico e quindi tra le rotaie del tram viene fatta crescere l’erbetta che assorbe il rumore e riduce la dispersione delle polveri.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il percorso delle piste ciclabili copre circa 400 km, solitamente in corsie separate dal traffico automobilistico, con parcheggi di circa 6000 posti nel centro della città e collegata in maniera puntuale con le fermate del trasporto pubblico.

All’interno della città esistono molte aree pedonali e i cittadini di Friburgo vivono in strade il cui limite di velocità è sotto i 50 km/h. La pianificazione ha consentito la localizzazione dei negozi e delle abitazioni lungo gli assi principali della linea tramviaria e il numero di vetture circolanti è al di sotto del 23% rispetto alla media nazionale tedesca, producendo un più alto standard di vita e abbattendo le conseguenze negative sulla qualità dell’aria in città.

Oggi a Friburgo gli spostamenti avvengono quasi esclusivamente a piedi, con le biciclette e i mezzi pubblici e i cittadini si considerano liberi di non possedere un’automobile; inoltre ai clienti degli alberghi viene fornito gratuitamente il biglietto per i mezzi pubblici di trasporto.