Le piante che purificano l’aria dalla formaldeide

Ristrutturare casa in modo sostenibile
9 Ottobre 2013
Proroga detrazione 50% ed eco-bonus 65%
17 Ottobre 2013

La formaldeide è un composto volatile, che viene utilizzato per una lunga serie di prodotti dell’industria,spatifillo[1] dai mobili (laccatura, multistrato ecc), alla carta da parati, dai tendaggi fino ad alcuni inchiostri; purtroppo questi prodotti, nel corso del tempo, tendono a liberare nell’aria delle quantità di formaldeide, che è un prodotto altamente tossico e  cancerogeno.felce-di-boston[1]

Anche se il problema della formaldeide non è una novità e che  sono quindi alcuni decenni che l’industria sta cercando di produrre manufatti con minori quantità di formaldeide, in casa comunque, soprattutto con il passare degli anni, il mobilio, la vernice utilizzata per imbiancare, gli inchiostri di pennarelli e stampanti, barattoli, vestiti, tendaggi, anthurium[1] tutto libera nell’aria piccole quantità di sostanze dannose. Il problema è abbastanza importante, ed, in effetti, può capitare  noi di avere un’aria tanto malsana in casa da essere causa di irritazioni alle vie respiratorie.edera-rampicante_O1[1]

Anche senza arrivare a casi estremi, in ogni caso, l’aria dei nostri appartamenti, non è del tutto salubre, in quanto gli oggetti di cui ci circondiamo tendono,come già detto, nel corso degli anni, a liberare sostanze tossiche nell’ambiente. 0-fa10876d-800[1]Ovviamente per evitare ciò sarebbe auspicabile una maggiore cura nello scegliere i mobili e gli oggetti in generale da portare in casa, comunque,alcuni studi della NASA, volti a cercare delle piante da utilizzare in ipotetiche basi spaziali, hanno evidenziato come, alcune piante, dracaena_sanderiana[1]hanno la capacità di assorbire tali inquinanti dall’aria, e farli precipitare, levandoli dall’aria che respiriamo ogni giorno. Questo tipo di effetto non rovina in alcun modo le piante, è solo il risultato del loro normale sviluppo.

imagesCACP3XDL Le ricerche sono durate alcuni decenni, e hanno evidenziato come, alcune piante molto più di altre, sono n grado di assorbire dall’ambiente formaldeide, toluene, acetone e altri inquinanti.

Le piante che più spesso vengono riscontrate come piante purificanti sono le felci (e in particolare le felci del genere nephrolepis), lo spatifillo, l’anthurium, la dracena, l’edera; si tratta di piante che comunemente teniamo in casa, e che quindi non sono di difficile reperimento in vivaio.areca[1]

Altre piante che funzionano da purificanti dell’aria i ficus, la sanseveria, l’areca, che sono in grado di assorbire formaldeide, e anche altri inquinanti.sanseveria[1] La sanseveria ha anche il vantaggio di essere una succulenta, con un ciclo di sviluppo che non comporta l’emissione notturna di anidride carbonica, ma sempre di ossigeno, per tutto l’arco della giornata.

 

Fonte giardinaggio.it