I pannelli radianti a soffitto

Le schermature esterne
15 Aprile 2014
Incentivi alle imprese del sud per interventi di efficientamento energetico
18 Aprile 2014

Per quanto riguarda l’impianto di riscaldamento e raffrescamento è opportuno partire da un presupposto e cioè che l’unica grande superficie realmente disponibile all’interno di una stanza o un’abitazione è il soffitto (il pavimento può essere impegnato da mobili e tappeti così come la parete è sempre vincolata da mobili, quadri o aperture come finestre o porte). Avere una grande superficie di scambio a parità di potenza trasmessa, è un notevole punto di forza in quanto consente di ridurre le temperature di mandata degli impianti, riducendo notevolmente i consumi, images[3] migliorando il benessere e i rendimenti delle sorgenti termiche ( caldaia a condensazione, pompe di calore, impianti solari). Per quanto detto a livello impiantistico l’installazione consigliata è quella dei pannelli a soffitto. L’impianto a soffitto garantisce la massima libertà di arredamento delle pareti e consente la migliore soluzione funzionale per il riscaldamento ed il raffrescamento.

A ciò si aggiunga che nel periodo estivo la resa del  soffitto è molto elevata, in quanto l’aria calda, che è più leggera tende a salire e trovando un soffitto freddo si raffredda velocemente. Si attua una climatizzazione di tipo naturale senza movimenti d’aria e fastidiosi rumori. In pratica si realizza l’effetto cantina. images[2] Il problema dell’umidità e della possibile condensa viene risolto dall’impianto di deumidificazione.

Nel periodo invernale essendoci una modesta differenza di temperatura tra aria dell’ambiente e superficie radiante, la differenza di temperatura dell’aria tra il punto più alto della stanza e il punto più basso è talmente modesta da non poter essere percepita.

L’impianto a soffitto fornisce un ulteriore vantaggio di natura bio-climatica rispetto ad un tradizionale impianto a pavimento (ed agli alle altre tipologie di impianti): la polvere che normalmente si deposita in terra, images[5] infatti, non viene più messa in movimento, in quanto il pavimento non è più la superficie più calda (evitando così allergie e irritazioni tipiche anche degli impianti a convenzione ed a conduzione) . Questo garantisce in assoluto la migliore soluzione di comfort. In pratica l’impianto lavora unicamente per irraggiamento, con lo stesso principio del sole.