Semplificazione introdotte dal “Decreto del fare”

Il decreto legge Del Fare n. 69 del 2013, convertito con la legge n. 98 del 9 agosto 2013, introduce numerose semplificazioni, con lo scopo di rilanciare la crescita e lo sviluppo del Paese.

– Indennizzo automatico e forfetario: in caso di mancato rispetto dei tempi per la conclusione delle pratiche, l’amministrazione è tenuta a pagare una somma di 30 euro per ogni giorno di ritardo, fino ad un massimo di 2000 euro. Nella comunicazione di avvio del procedimento, l’amministrazione deve indicare i termini entro cui la procedura si deve concludere.

– Date uniche di efficacia dei nuovi obblighi: anche l’Italia introduce la “date uniche” di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi, fissate al 1° luglio e 1° gennaio.

– Semplificazioni in edilizia: sono garantiti tempi certi per l’ottenimento del permesso di costriure, anche quando sussistono vincoli. E’ sufficiente la segnalazione semplificata di inizio attività per modifiche della sagoma degli edifici, a parità di volumetria e nel risetto dei vincoli.

– Durc: la validità passa da 90 a 120 giorni.

– Adempimenti in materia sicurezza del lavoro: i datori di lavoro delle aziende a basso rischio potranno effettuare la valutazione del rischio secondo un modello semplificato oppure, come già previsto, secondo procedure standardizzate. Per la stessa tipologia di aziende è prevista la possibilità di nominare un incaricato per il coordimanento delle varie imprese, in alternativa alla redazione del Documento di valutazione dei rischi interferenziali.

Semplificazione introdotte dal “Decreto del fare”

Comments (0)