Elettrico e wireless, l’autobus del futuro secondo l’UK

L’autobus senza fili sta circolando da una settimana a Milton Keynes. Se i risultati saranno positivi, linee e mezzi verranno potenziati.

Per il momento è solo un progetto sperimentale, ma se i risultati saranno positivi e tangibili verrà adottato stabilmente. Siamo a Milton Keynes, città a sud-est del Regno Unito, dove da circa una settimana sta circolando un autobus elettrico senza fili.

UNICO INCONVENIENTE: SOSTE PER LA RICARICA. Secondo i responsabili del progetto, a cui stanno lavorando da cinque anni, la tecnologia wireless è molto più conveniente, in termini economici, di quella “tradizionale”. Con l’unico inconveniente, almeno per il momento, dei tempi di ricarica, che costringono il bus a delle soste di una decina di minuti ogni tot chilometri.

“In moltissime città, tra cui Nottingham e Londra- spiega James Murray, giornalista del portale on-line BusinessGreen- si privilegia da diverso tempo a questa parte il trasporto pubblico urbano elettrico. Ma l’autobus n.7 di Milton Keynes è il primo ad alimentarsi grazie alla tecnologia wireless, trasmessa attraverso alcune “piastre di ricarica” installate in prossimità del percorso urbano”. Le soste che l’autobus deve effettuare per ricaricarsi non sono molte, ma non a tutti i passeggeri è garantita la continuità del servizio, perché potrebbero capitare nel fatidico momento dei “dieci minuti” di stop.

PREVISTO UN POTENZIAMENTO DI BUS E LINEE. Fatto sta che, se non si verificheranno grandi disservizi che potrebbero mettere in discussione l’utilizzo della tecnologia wireless, la città prevede un potenziamento delle linee di autobus senza fili (da uno a otto), che darebbe la possibilità ai passeggeri, nelle aree di sosta, di scendere dal bus scarico e salire su quello carico.

PROGETTO AZIENDALE IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITA’ E MINISTERO. Il progetto è stato sviluppato dalle socità di ingegneria Arup e Mitsui Europe, in collaborazione con: il Milton Keynes Borough Council, il Dipartimento dei Trasporti e l’Università di Cambridge.

Elettrico e wireless, l’autobus del futuro secondo l’UK

Comments (0)